Regole per una corretta gestione dei rifiuti

Condividi su

Fabris Securitas vi ricorda quali sono le principali regole da seguire per una corretta gestione amministrativa dei rifiuti.

Video di presentazione:

 

Sono tenuti a compilare il registro di carico e scarico (mod. A) ai sensi dell’art. 190, comma 1 del D.Lgs. 152/2006 e successive modifiche, e fino alla completa entrata in vigore del Sistri:

enti e imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi,

enti e imprese produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui alle lettere c) [industriali] e d) [artigianali] del comma 3 dell’art. 184;[…].

I produttori di rifiuti devono acquistare un registro di carico/scarico rifiuti per ogni unità locale (luogo in cui si svolge l’attività aziendale di produzione dei rifiuti).

Il registro di carico e scarico rifiuti deve essere vidimato presso la CCIAA – Camera di Commercio, dell’Industria e dell’Artigianato territorialmente competente, al costo fisso di € 25,00 (diritti di segreteria).

Solo a seguito di vidimazione del registro, potranno essere effettuate le registrazioni di carico/scarico rifiuti.

I registri di carico e scarico sono tenuti presso ogni impianto di produzione.

I registri devono essere conservati almeno per 5 anni dalla data dell’ultima registrazione.

Il produttore di rifiuti deve riportare nel registro (come carico) il quantitativo di rifiuto esattamente prodotto, entro 10 giorni dalla produzione. Nel caso il produttore non possieda una bilancia/pesa, deve fare una stima di quanto sia l’ammontare di rifiuto.

Il produttore di rifiuti riporterà nel registro un movimento di “scarico” nel momento del conferimento del rifiuto a soggetti terzi (che lo avvieranno a recupero o smaltimento).

Un movimento di scarico può essere il frutto di vari movimenti di carico e si riferisce ad un singolo formulario di identificazione del rifiuto.

Una volta ricevuta la quarta copia del “formulario di identificazione del rifiuto”, nella quale è precisato se il quantitativo di rifiuto è stato accettato dallo smaltitore per intero o per differente quantità, il produttore verificherà la corrispondenza dei quantitativi di carico e scarico riportati nel registro. Questi devono essere uguali.

 Il quantitativo riportato nel registro come carico, sarà in caso modificato (barrandolo a penna e riportandovi vicino il quantitativo corretto), basandosi sul quantitativo scaricato.

La registrazione di uno scarico deve avvenire massimo entro un anno dalla registrazione di carico.